Il Risorgimento a Verona e nel Veronese - Castel S. Felice

Castel-San-Felice-(Archivio-arch.-Fiorenzo-Meneghelli)

             Castel San Felice (Archivio arch. Fiorenzo Meneghelli)

 

Nome originale: Castel S. Felice

Nome italiano (dopo il 1866): Castel S. Felice

Anno di costruzione: L’opera fu realizzata per volere di Gian Galeazzo Visconti nella seconda metà del Trecento. Venne poi rimaneggiata durante i secoli successivi e ampiamente restaurata dagli austriaci tra il 1837 e il 1842.

Armamento: -

Guarnigione: -

Dove si trova: Da ponte Pietra si imbocca via Madonna del Terraglio fino all’incrocio con via Castello S. Felice la quale porta fino ai resti del manufatto ancora oggi visibili.

Descrizione: Per la sua particolare posizione, dalla quale si domina l’intera città, il castello di San Felice risulta connesso alla cinta magistrale ma allo stesso tempo completamente autonomo. Il tracciato composito deriva dai successivi ampliamenti. Molto importante il restauro ottocentesco con il quale vennero ricostruite le parti precedentemente demolite dai francesi e sistemati i fabbricati interni: come il deposito degli affusti, il corpo di guardia, la grande polveriera a prova di bomba. Furono aggiunte, inoltre, altre postazioni d’artiglieria.